‘Ndrangheta Seregno, l’opposizione : città offesa e mortificata

1086

” Passata la tempesta degli arresti e delle dimissioni, dello scandalo per quanto scoperto dagli inquirenti e dello scioglimento anticipato e inglorioso del Consiglio Comunale e della Giunta targata Lega Nord-Forza Italia, è il momento di analizzare quanto accaduto e di progettare il futuro di Seregno all’insegna dell’impegno civile e del concorso delle forze sane e volenterose della città.
Le colpe amministrative e penali saranno accertate e giudicate secondo la legge, ed esprimere fiducia nell’operato della Magistratura e nell’azione delle Forze dell’Ordine appare doveroso e tutt’altro che scontato.
Allo tesso modo, auspicare che i soggetti coinvolti a vario titolo nell’inchiesta che ha devastato la vita politica di Seregno riescano a spiegare in tempi brevi e con limpida chiarezza le loro posizioni, rappresenta una necessità morale nei confronti di una città offesa e mortificata a livello nazionale e internazionale.
Su tutto pende però una sentenza già emessa: la condanna senza appello per un modello di fare politica, che già in tempi non sospetti e a più riprese avevamo denunciato in Aula nel corso dei Consigli Comunali, presso l’opinione pubblica attraverso i giornali e con esposti agli organi competenti, rivelatasi opaca, connivente, immorale, incapace.
E’ giunto il momento per Seregno, per tutti coloro che si sono indignati di fronte agli sviluppi drammatici dei giorni scorsi, di avviare il cammino verso il riscatto di una città che non è quella amaramente dipinta dal verminaio scoperchiato.
Esistono a Seregno tante, tantissime persone di alto spessore etico e morale, animate da passione civica, competenti e oneste, alle quali è doveroso appellarsi affinchè scelgano, attraverso l’impegno politico, di contribuire a sanare la ferita che ha lacerato la vita pubblica cittadina.
All’indignazione e alla protesta, ora occorre aggiungere la partecipazione concreta, assumersi l’incombenza della responsabilità con l’obiettivo di ripristinare la legalità non solo come mero concetto, ma come metodo e linea d’azione.
“Noi per Seregno” vuole appellarsi a Seregno e a ciascun suo singolo cittadino: è il momento di alzarsi in piedi e rivendicare a testa alta, con orgoglio e con coraggio, la nostra integrità e onorabilità, vilipesi da un modo di essere e di  fare, volgare e criminale, che non ci appartiene, che non ci rappresenta.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.