Giorgio (Gori ndr) e Beppe (Sala ndr) sono due sindaci impegnati in prima fila. Io li considero miei naturali alleati. Per quanto mi riguarda il Ministro dell’Interno ha nei sindaci sul territorio dei naturali alleati. Io penso che questo possa costituire una spina dorsale vera della democrazia italiana.” Lo ha detto il ministro dell’interno Marco Minniti al Palazzo delle Stelline di Milano dove è in corso il convegno promosso dal Centro Studi Grande Milano ”Governare l’immigrazione”. A confrontarsi con il Ministro, oltre ai sindaci di Milano e Bergamo c’è l’ex Ministro Claudio Martelli.

Minniti ha poi spiegato: “Il tema del convegno è governare l’immigrazione. Un grande tema, un tema epocale. LA GRANDE QUESTIONE DEI FLUSSI DEMOGRAFICI NEL MONDO. Guardatevi da coloro che esprimono ricette molto semplici e in qualche caso liquidatorie su questi temi. Guardatevi da quello che dice a un certo punto arrivo io e risolvo il problema.” Per Minniti “Il punto cruciale di fronte a queste questioni è non inseguire il tema dell’immigrazione, non subirlo ma tentare di governarlo”.

Commenti FB
Articolo precedenteLIVING COLOUR: nuova location per il concerto di Milano e tutte le info per il rimborso dei biglietti
Articolo successivoDue morti a San Donato, un vigile spara al superiore e poi si ammazza
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.