Con i soldi della tangente voleva rifare il salotto di casa e ora si ritrova in una scomoda cella. Ha portato male al sindaco di Forza Italia di Lonate Pozzolo (Va), Danilo Rivolta, la fame di denaro: il politico è stato arrestato insieme alla sua compagna, Orietta Liccati, assessore all’urbanistica di Gallarate (Va), al fratello, Fulvio Rivolta, e a quattro imprenditori. Secondo l’ordinanza di custodia cautelare sono accusati a vario titolo, per corruzione, abuso d’ufficio e tentata concussione. Il sindaco avrebbe favorito il fratello, titolare di uno studio di progettazione, e gli altri imprenditori, per favori edilizi. In una intercettazione si sente Danilo Rivolta dire alla compagna “con questi [soldi] ci rifacciamo il salotto”. La presunta tangente è da 13 mila euro e sarebbe stata presa da uno dei quattro imprenditori finiti nell’inchiesta.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.