Palazzo Marino spegnerà le sue luci domani dalle 18.30 alle 19 come gesto simbolico di adesione all’importante campagna ‘M’illumino di Meno’,  la giornata dedicata al risparmio energetico lanciata dalla trasmissione Caterpillar di Radio2.

In occasione della tredicesima edizione dell’iniziativa, in programma oggi ( 24 febbraio), anche il Castello Sforzesco sarà spento, in collaborazione con A2a, per un quarto d’ora nella stessa fascia oraria.

Inoltre, oltre a invitare a un’azione per il risparmio energetico, quest’anno ‘M’illumino di meno’ punta sul sensibilizzare tutti sulla riduzione degli sprechi in ogni ambito, invitando a compiere almeno un gesto di condivisione nella giornata di domani. Per aderire ancora più nello specifico al tema di questa tredicesima edizione, racchiusa nell’hashtag #CondiVivo, il sistema di bike sharing milanese BikeMi oggi propone l’abbonamento giornaliero gratuito (si sottoscrive l’abbonamento ma non viene addebitato alcun importo).

Infine, per far conoscere a quanti più milanesi possibili questa importante iniziativa, il Comune di Milano ha invieto la newsletter InformaMi, cui sono iscritte circa 130.000 persone, e una comunicazione a tutti i dipendenti del Comune di Milano, per invitare tutti a spegnere le luci negli uffici delle diverse sedi o nelle proprie case tra le 18 e le 20 (per quanto più tempo possibile).

Commenti FB
Articolo precedenteCittà della salute. Maroni, progetto non è in discussione
Articolo successivoRoy Orbison, “Black & White Night 30”
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati