“Non dobbiamo rifare la gara, come qualche giornale ha riportato, la sentenza dice che bisogna ricalcolare alcuni parametri per decidere chi ha vinto. Ricordo
che, per la prima volta, in questo caso avevamo costituito una commissione di tecnici estratti a sorte dall’Albo degli architetti, degli ingegneri,delle Universita’. Piu’ tecnica di cosi’ la Commissione non poteva essere. Si riunira’ di nuovo e, valutando le indicazioni della sentenza, procedera’ all’aggiudicazione della gara”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questa mattina, conversando con i giornalisti a margine dell’evento ‘Dillo alla Lombardia’, a Palazzo Lombardia.
“Credo che in una ventina di giorni si fara’ tutto e poi si procedera’ come prima – ha aggiunto -, il progetto non e’ messo in discussione, anzi, vogliamo continuare a investire su quell’area in quella direzione, insieme all’Universita’ degli Studi, alla Bicocca”.
“E’ un piccolo intoppo che non cambia nulla rispetto al progetto – ha concluso Maroni – e si procedera’ secondo le scadenze gia’ previste”.

Commenti FB
Elezioni Regionali 12 e 13 Febbraio
Articolo precedenteMaltempo, domani rischio vento forte
Articolo successivoM’illumino di meno, spenti Palazzo Marino e Castello Sforzesco
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati