“Per la costruzione della biblioteca della Shoah e dell’archivio della memoria la giunta regionale lunedi’ stanziera’ 1,2 milioni su proposta del presidente Roberto Maroni e dell’assessore alle Culture, Identita’ e Autonomie della
Lombardia Cristina Cappellini. Questo e’ il nostro segno concreto di grande attenzione alla memoria di quei fatti che ricordiamo oggi”.

L'assessore Valentina Aprea in un momento del suo intervento alla commemorazione del XVII 'Giorno della Memoria' che si e' tenuta al Teatro degli Arcimboldi di Milano.
L’assessore Valentina Aprea in un momento del suo intervento alla commemorazione del XVII ‘Giorno della Memoria’ che si e’ tenuta al Teatro degli Arcimboldi di Milano.

Lo ha annunciato l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Regione Lombardia Valentina Aprea intervenuta oggi alla commemorazione del XVII ‘Giorno della Memoria‘ che si e’ tenuta al Teatro degli Arcimboldi alla presenza di Liliana Segre e del presidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano Ferruccio de Bortoli. Tra gli intervenuti, anche Delia Campanelli, direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia.

“La mia attenzione per i problemi culturali e pedagogici collegati con la memoria della Shoah, non e’ di oggi” ha detto l’assessore Aprea.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente“Automaton”, il nuovo Jamiroquai
Articolo successivoPinocchio – Un Paese che odiava
Luca Levati
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.