La Polizia di Stato ha denunciato  un  milanese di 70 anni  e una donna monzesedi 54 anni, responsabili dei reati di minacce e diffamazione in quanto autori di migliaia di missive anonime dal tenore minaccioso/diffamatorio, inviate a partire dal 2014 a notissimi personaggi del mondo politico, istituzionale, imprenditoriale e sportivo. Gli agenti della DIGOS li hanno fermati in flagranza mentre erano intenti ad imbucare lettere presso la casetta postale ubicata in prossimità dell’ufficio postale a Basiglio (MI). La successiva perquisizione presso il loro domicilio di Rozzano, ha portato al rinvenimento di ulteriori 110 lettere uguali a quelle rinvenute in precedenza e alla conferma della tesi investigativa.

Le missive inviate contenevano tutte della carta igienica imbrattata di feci e presentavano tutte le stesse caratteristiche, ossia l’indirizzo scritto sia in carattere corsivo che in stampatello, con inchiostro di colore nero, e francobolli solitamente di paesi esteri (in particolare Azerbaijan, Bhutan, Zaire) riportanti come annullo postale “CMP Milano Borromeo”.

Commenti FB
Articolo precedenteCoppa Italia, il Milan è fuori
Articolo successivoTrenord, domani sciopero
Fin da piccola, volevo fare la giornalista. Sono laureata in lettere moderne e dopo una breve e intensa esperienza a Telenova, sono arrivata a Radio Lombardia, ormai un bel po’ di anni fa. Nel frattempo, sono diventata giornalista professionista. Collaboro con il giornale locale “Il Cittadino di Monza e della Brianza”. Amo leggere e viaggiare per conoscere culture e tradizioni diverse. E mi piace raccontare tutto quello che accade intorno a me. La mia passione è lo yoga… lo pratico anche alle 5 del mattino, prima di arrivare in redazione per la rassegna stampa quotidiana.