La Procura di Pavia  ha aperto un’inchiesta bissull’omicidio di Chiara Poggi per il quale è stato condannato in via definitiva l’allora fidanzato Alberto Stasi. L’iniziativa dei magistrati pavesi, come riporta oggi il Giornale, è scaturita dalla recente consulenza eseguita dai difensori di Stasi che ha affermano di aver individuato un altro Dna sul corpo della vittima appartenente non a Stasi, ma a un altro giovane di Garlasco. E’ stato il sostituto procuratore generale di Milano, Laura Barbaini, che ha chiesto e ottenuto in appello la condanna di Stasi, a trasmettere gli atti a Pavia che ora ha aperto un fascicolo.

Commenti FB
Ads

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.