Poveri, aumentano gli italiani. “Crisi terremoto sociale”

567

“La crisi è stata un terremoto sociale: ha aperto una faglia in cui sono cadute le persone che stavano sospese sulla soglia della povertà, i cosiddetti ‘equilibristi'”. Parole di Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana,  alla presentazione del rapporto dell’Osservatorio diocesano su povertà e risorse. “Sono in genere italiani ultracinquantenni che fanno più fatica a risalire dal baratro in cui sono caduti”, le persone “più impaurite, più esposte ai messaggi xenofobi e populisti, che hanno più difficoltà a rientrare nel mercato del lavoro” e che vanno aiutate a recuperare reddito. Emerge anche un aumento considerevole dei gravi emarginati, con un disagio più acuto tra gli italiani (35,8% del totale) e con sempre più giovani che a causa del precariato non riescono a sostenere i costi di una casa (affitto o mutuo). Nell’ultimo anno secondo il rapporto è cresciuto del 21,3% il numero dei senza tetto assistiti da Caritas, e cresce anche il numero di chi torna per il secondo anno di fila a chiedere aiuto: se nel 2008 erano il 32%, oggi sono più della metà (51%). “Aumentano di circa il 21% i senza dimora. Cresce anche il numero degli italiani che oggi coprono il 40% degli utenti. A rivolgersi meno ai centri di ascolto sono soprattutto le donne immigrate anche perché con la crisi sono diminuite le famiglie che si rivolgevano a loro per far fronte al bisogno di assistenza domestica e di cura dei propri cari”, ha sottolineato Elisabetta Larovere, redattrice del Rapporto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.