Due anni di reclusione per Diana Bracco, ex vicepresidente di Confindustria ed ex presidente di Expo 2015 spa, nonche’ presidente dell’omonimo gruppo, accusata di frode fiscale e appropriazione indebita. La sentenza è del Tribunale di Milano. Secondo l’accusa, l’industriale, che avrebbe commesso i reati in qualita’ di presidente del Cda della Bracco spa, avrebbe realizzato una frode fiscale da oltre un milione di euro. Il pm di Milano Giordano Baggio aveva chiesto una condanna a un anno e tre mesi, mentre il giudice della seconda sezione penale Giorgia Carbone l’ha condannata a 2 anni riconoscendole, comunque, le attenuanti, la sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna. Comminate, invece, le pene accessorie, come l’interdizione dai pubblici uffici, per un anno e 6 mesi.

Commenti FB
Articolo precedenteLadri bucano oleodotto, squadre al lavoro
Articolo successivoRuby e altri 22 a giudizio
Fin da piccola, volevo fare la giornalista. Sono laureata in lettere moderne e dopo una breve e intensa esperienza a Telenova, sono arrivata a Radio Lombardia, ormai un bel po’ di anni fa. Nel frattempo, sono diventata giornalista professionista. Collaboro con il giornale locale “Il Cittadino di Monza e della Brianza”. Amo leggere e viaggiare per conoscere culture e tradizioni diverse. E mi piace raccontare tutto quello che accade intorno a me. La mia passione è lo yoga… lo pratico anche alle 5 del mattino, prima di arrivare in redazione per la rassegna stampa quotidiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.