“Ci sono tante persone in Lombardia che soffrono a causa di una patologia grave ma grazie ai farmaci a base di cannabinoidi potrebbero migliorare la propria vita. Per questo motivo Regione Lombardia deve affrontare seriamente e urgentemente la questione e dotarsi di una legge”. L’appello è del  Vicepresidente del Consiglio regionale Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) e riguarda l’utilizzo della cannabis terapeutica a supporto delle malattie degenerative e oncologiche, una questione sulla quale al Pirellone sono state presentate diverse proposte per una legge regionale tra cui una di iniziativa popolare, una del  Movimento 5 Stelle e, ultima depositata qualche giorno fa, del Partito Democratico.
“Mi sembra – sottolinea Cecchetti – che i tempi siano maturi per aprire un dibattito aperto e scientifico sulla cannabis terapeutica che potrebbe essere affidato a un gruppo di lavoro. Sono ormai nove le regioni che hanno legiferato sul tema, tra cui Veneto e Toscana, e la Lombardia non può certo stare ferma a guardare su una questione così importante. E’ ora –  continua Cecchetti – di sedersi attorno a un tavolo, approfondire e valutare le proposte di legge presentate per trovare una sintesi tra le varie sensibilità presenti in Consiglio regionale e dotare la Lombardia di uno strumento legislativo che sappia andare incontro alle esigenze di chi, affetto da alcune patologie gravi, trova nell’utilizzo medico della cannabis sollievo e conforto”.

Commenti FB
Articolo precedenteProvincia di Varese, danno erariale per 35 milioni
Articolo successivoMigranti Como, Regione apre presidio sanitario
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.