Sono andato a vedere in anteprima Il Drago Invisibile e questo è quello che mi ha fatto venire in mente.

Siamo nel 2016, la filmografia, in particolare quella per ragazzi, è (generalizzando) all’insegna dell’adrenalina, ritmo serrato, violenza anche inutile, esplosioni, personaggi poco raccontati in pellicole con poca trama. L’aspetto migliore de Il Drago Invisibile è che si stacca per la maggior parte del tempo da questa pratica.

bryce-dallas-howardIn Jurassic World, film poco salvabile, l’attrice Bryce Dallas Howard, parlando delle attrazioni del parco, recita una frase che spiega quello che penso di molte delle nuove uscite cinematografiche: “…i consumatori li vogliono sempre più grandi… Più rumorosi… Più denti.
Il resto del film prosegue nella “gestione” di un dinosauro nuovo, più grosso, più dannoso e che sa diventare invisibile….

La stessa attrice, ormai esperta nel settore, è una dei protagonisti di questa nuova interpretazione di Elliot il drago invisibile del 1977 (più grosso, più dannoso…. )

La storia inizia con un viaggio di una coppia con un bambino di 5 anni, una strada in mezzo ai boschi, un animale in mezzo alla strada, l’incidente mortale dal quale si salva solo il piccolo Pete.
Se state pensando al gancio iniziale di Tarzan o Mowgli, si.
Per sei anni il bambino rimane nella foresta, salvato e protetto dal drago.
La logica, fortunatamente, non ha spazio per spiegare come abbia fatto, è lasciato alla fantasia degli spettatori.
56799_pplTutta la pellicola, in controtendenza, è mediamente poco colorata, buia e malinconica. Il ragazzino selvatico (nel senso etimologico del termine) è incuriosito dall’aver trovato altra gente ma non ha grande intenzione di cambiare il suo modo di vivere.
La gente però ha visto anche il drago e non solo separa il bambino dal suo amico ma parte subito il bracconaggio, in un clima generale prossimo alla disperazione.

Quindi? Pellicola da buttare o da evitare perché riflessiva?
No, non credo sia il film del secolo, ci sono buchi e difetti, mancanza di logica base e di un vero Cattivo… il ché non riesce a far diventare epica la lotta per salvare bambino e drago.
Questa analisi però arriva da una persona ormai adulta, che ha “subito” e superato i vari Zanna Bianca, ET, Papà ho trovato un amico,  Brisby e il segreto di Nimh, Belle e Sebastien e tutti i nostri cartoni tristissimi di bambini che cercano i genitori, amici…
…e ci sono serviti.
Abbiamo avuto modo di affrontare anche questi argomenti.
“Con tutto quello che si sente nei telegiornali” non è un ragionamento accettabile. Da bambini nessuno di noi ha mai ascoltato realmente un telegiornale, e non avevamo smartphone a tavola.

Quindi non vi dico di accorrere in massa per non perdervi assolutamente questo film ma forse è un film utile perché intervalla le gag di un drago che ha il cervello di un Labrador, tenero e casinista, con la purtroppo moderata cattiveria dei bracconieri.
Tiepido risultato per una lavoro che poteva essere fatto meglio e quasi uno spreco tecnico di un 3D, le location, le riprese e molti aspetti che sono stati curati molto bene. La sensazione di vedere un atleta che si ferma a 3 metri dall’arrivo.
Per spiegare punto per punto cosa intendo dovrei snocciolare la trama ma non lo farò. In sala si sono sentiti bambini ridere e si sono visti tanti fazzoletti, che significa comunque che la storia e la recitazione hanno comunque presa.
Mancano pochi giorni all’uscita.
Credete che due lacrimoni facciano bene ad un bambino?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.