La casa  di Guglielmo Gatti, condannato all’ ergastolo per il duplice delitto degli zii, Aldo e Luisa Donegani avvenuto nel bresciano nell’estate del 2005 è stata venduta all’asta per 70 mila euro. L’abitazione, vuota da tempo, è al primo piano della bifamiliare dove avvenne la mattanza . Ad aggiudicarsi l’ immobile è un privato e il denaro finirà ai parenti di Luisa De Leo, che si erano costituiti parte civile nel processo e che Gatti avrebbe dovuto risarcire complessivamente con 400mila euro.

Commenti FB
Articolo precedenteAtti sessuali, arrestato primario
Articolo successivoNizza, 84 i morti
Fin da piccola, volevo fare la giornalista. Sono laureata in lettere moderne e dopo una breve e intensa esperienza a Telenova, sono arrivata a Radio Lombardia, ormai un bel po’ di anni fa. Nel frattempo, sono diventata giornalista professionista. Collaboro con il giornale locale “Il Cittadino di Monza e della Brianza”. Amo leggere e viaggiare per conoscere culture e tradizioni diverse. E mi piace raccontare tutto quello che accade intorno a me. La mia passione è lo yoga… lo pratico anche alle 5 del mattino, prima di arrivare in redazione per la rassegna stampa quotidiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.