Il 100% dei 320 chilometri complessivi di rete di Ferrovie Nord (pari a 495 chilometri di binari) è coperto da sistemi di segnalamento e regolazione della circolazione molto avanzati, di elevata affidabilità, identici a quelli in uso sulla rete RFI: Blocco Automatico a Correnti Codificate (BACC) o Blocco Conta Assi (BCA). Lo ha reso noto Ferrovie Nord che ha precisato che  a partire dal 2008, si stanno progressivamente installando sistemi di ausilio alla condotta: Sistema Controllo Marcia Treno (SCMT) o Sistema di Supporto alla Condotta (SSC). Questo programma di ulteriore aggiornamento tecnologico si sta realizzando in collaborazione e in parallelo con l’analogo programma di RFI in base anche alle indicazioni del Ministero. Questi sistemi attualmente coprono 300 chilometri di binari pari al 60% della rete, dove si svolge però più dell’80% del traffico. Entro un anno l’intera rete sarà coperta anche da questi ulteriori sistemi di sicurezza. Per questi interventi Regione Lombardia ha investito circa 45 milioni di euro.

“La nostra rete ha un livello di sicurezza tra i più avanzati – spiega il presidente di Ferrovie Nord Andrea GIbelli – e sistemi di controllo tecnologici moderni e affidabili. Grazie anche all’impegno della Regione Lombardia lo stiamo ulteriormente migliorando. E’ un tema su cui non è mancato e non mancherà mai l’impegno quotidiano di tutta l’azienda”.

Commenti FB
Articolo precedenteLombardia, in arrivo 12 mila lettere dall’Agenzia delle Entrate
Articolo successivoScontro tra treni, 3 le vittime lombarde
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.