“La connessione di Malpensa alle Ferrovie dello Stato è  già assicurata dalla bretella di Busto Arsizio dal  “Terminal 1”. La realizzazione del nuovo collegamento  sarebbe un nuovo sperpero di denaro pubblico: 250 milioni di euro per una manciata di chilometri di inutile linea  ferroviaria fino a Gallarate, che buca l’ecosistema della  brughiera in pieno parco del Ticino” Dario Balotta responsabile trasporti di Legambiente commenta così il progetto del collegamento ferroviario al Terminal 2 di Malpensa. “L’assurdità di questo intervento è testimoniata dai numeri. Nel 2007 quando transitavano 23,8 milioni di passeggeri dallo scalo della brughiera Malpensa era serviti  da 80 treni giornalieri (da Milano Cadorna) e da 200 autobus dalla Stazione Centrale. Nel 2015 con Malpensa che ha  ridotto il suo traffico a 18 milioni di passeggeri (- 5,8 milioni) i treni giornalieri sono diventati 130 (+50 collegamenti dalla stazione Centrale) mentre gli autobus sono passati a 240 corse giornaliere (+40). Logica vorrebbe che i servizi aumentassero in funzione dell’aumento del  traffico dello scalo, non di una sua diminuzione.  I collegamenti ferroviari con Malpensa sono effettuati  con treni nuovi sottratti ai pendolari. A Malpensa ci sono  370 tra treni ed autobus al giorno: quasi quanto gli aerei
(440 circa). Il nuovo e costoso collegamento ferroviario non  potrà quindi risolvere la crisi tecnica e finanziaria di  uno scalo in crisi perenne, utilizzato al 35% delle sue potenzialità. Le cause della crisi dello scalo sono le alte tariffe e la bassa efficienza gestionale, non la carenza di  collegamenti.

Commenti FB
Articolo precedenteVia Brioschi, tre morti e nove feriti
Articolo successivoSorpassi azzardati
Fin da piccola, volevo fare la giornalista. Sono laureata in lettere moderne e dopo una breve e intensa esperienza a Telenova, sono arrivata a Radio Lombardia, ormai un bel po’ di anni fa. Nel frattempo, sono diventata giornalista professionista. Collaboro con il giornale locale “Il Cittadino di Monza e della Brianza”. Amo leggere e viaggiare per conoscere culture e tradizioni diverse. E mi piace raccontare tutto quello che accade intorno a me. La mia passione è lo yoga… lo pratico anche alle 5 del mattino, prima di arrivare in redazione per la rassegna stampa quotidiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.