Giovedì 9 giugno Bossa Nova Milanese, Jazz e Musica Popolare Brasiliana invadono l’Isola per una giornata di artigianato, convivialità, cultura e musica. 11 concerti imperdibili. Ad aprire la giornata il dj set di Antonio Ribatti fino ad arrivare a Francesca Ajmar e il suo trio, passando per Filippo Cosentino e poi il duo di Nenè Ribeiro e Marco Massa.  In collaborazione con MILANO OFF/Isola Festival – evento dedicato alle arti performative che anima il quartiere fino 12 giugno – Antonio Ribatti, direttore artistico di AHUM, con il supporto del sassofonista Mirko Fait, propone una serale musicale inedita: BOSSA NOVA MILANESE.

Dalle 18.30 fino a notte fonda, diverse location del quartiere Isola, saranno il cuore di questo vero e proprio circuito musicale. In perfetto stile AHUM Milano Jazz Festival, che dal 2010, anno in cui è approdato all’Isola, ha gettato le basi di un inedito format delineando i tratti di un festival di approfondimento culturale a carattere territoriale, BOSSA NOVA MILANESE trasformerà ancora una volta il quartiere in una casa della musica: teatri, gallerie, negozi, piazze saranno il punto d’incontro tra i musicisti, con una grande attenzione ai progetti musicali emergenti, e commercianti, operatori culturali, pubblico.

Commenti FB
Articolo precedenteAl via la tredicesima edizione di Convivio
Articolo successivoRissa tra egiziani, poliziotto esplode colpo di pistola
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.