Sciopero generale regionale per l’intera giornata e manifestazione a Milano, lunedì 23 maggio dei lavoratori di Poste Italiane Lombardia. I sindacati di categoria Slp Cisl, Slc Cgil, Confasl, Failp Cisal, Uglcom della Lombardia hanno indetto la mobilitazione di tutto il personale di Poste Italiane di qualsiasi settore contro la cessione di ulteriori quote azionarie sul mercato. Sindacati e lavoratori scenderanno in piazza per vari motivi: “perché si restituisca dignità al lavoro ed ai lavoratori di Poste Italiane, per le gravi inadempienze dell’azienda sulla riorganizzazione del recapito e della logistica, per la grave carenza negli organici che non garantisce la qualità dei servizi al pubblico. per avere ambienti di lavoro che rispettino le norme di sicurezza e tutela della salute,  contro il ricorso sistematico e spropositato alle sanzioni disciplinari e ai licenziamenti, contro le pressioni improprie nel settore commerciale”.  “In questo scenario desolante, lontano dalle narrazioni fantasiose dell’amministratore delegato – spiega Pino Marinaccio, responsabile Poste Cisl Lombardia – la cessione sul mercato di ulteriori quote di Poste Italiane mette a rischio l’unicità aziendale ed i livelli occupazionali, visto che Poste Italiane sarà obbligata a favorire gli interessi degli azionisti a scapito del servizio pubblico ai cittadini”.

 

Concentramento alle ore 9 in via S. Giovanni sul Muro 1 e corteo verso Piazza Affari dove alle 10 si terrà il comizio conclusivo. Interverranno i segretari regionali Giuseppe Surace (Ugl), Salvatore Trazzera (Failp),  Mimmo Alonge (Sailp), Pierluigi Daccò (Slc Cgil), Giuseppe Marinaccio (Cisl Poste).  
Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.