Maxi richiesta di risarcimento danni da parte di Atm nei confronti di tre graffitari che erano stati sorpresi a imbrattare i muri di un edificio di via Fermi a Binasco, edificio dell’azienda trasporti milanesi abbandonato da anni. La richiesta è di 74 mila euro. Tutto era iniziato lo scorso marzo quando i tre, tutti sotto i 30 anni, erano stati colti sul fatto dalla polizia locale mentre erano all’opera con le bombolette sui muri dell’edificio, stabile in disuso dove poteva entrare chiunque. L’azienda ora chiede i soldi per la rimozione delle scritte e la “nuova pitturazione”. I difensori dei ragazzi però sottolineano che Atm da un lato lascia in abbandono un suo stabile salvo poi pretendere un conto salatissimo per sistemare un presunto danneggiamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.