Una ricerca a della Bocconi condotta per conto della Camera di Commercio di Milano ha accertato che nel periodo dal 2012 al 2020 l’indotto complessivo di Expo Milano 2015 è di 31,6 miliardi di euro in termini di produzione aggiuntiva (volume di affari generato), pari a circa l’1% della produzione nazionale. Il valore aggiunto (il Pil dell’evento) è pari a 13,9 miliardi, con un impatto occupazionale in termini di unità lavorative equivalenti annue attivate, di 242,4 mila. I dati sono stati presentati a Milano alla presenza dei ministri dell’Economia, Pier Carlo Padoan, e delle Politiche Agricole, Maurizio Martina. “Expo – ha detto Padoan – è la best practice per fare il turnaround in Italia e fuori. Il termine indica una situazione in cui si mischiano grandi potenzialità e debolezze”. Soddisfatto anche il ministro Martina: “C’è un punto di contatto tra il successo di Expo e quello del nostro export agroalimentare: nel periodo da maggio a dicembre c’è stato un aumento di 1,7 miliardi, pari ad un incremento del 7,5%. Per l’agroalimentare il 2015 è stato un anno record, 36,8 miliardi di euro contro i 34,6 del 2014. Un risultato in linea con l’obiettivo, che è di arrivare ai 50 miliardi entro il 2020” Per la Lombardia l’indotto 2012-2020 è pari a 18,7 miliardi di euro in termini di produzione aggiuntiva, con un valore aggiunto di 8,6 miliardi; per Milano l’indotto stimato è pari a 16,1 miliardi, con un valore aggiunto di 7,4 miliardi di euro.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.