Ligabue il 24 settembre a Monza

1413

“Ospitiamo volentieri il meglio, la rockstar e lo scrittore Ligabue, che ringrazio per aver accolto la nostra proposta di organizzare un contest da cui emergerà un artista o una band che si esibirà sul palco di Monza davanti a un pubblico sterminato”.
Così il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni intervenendo alla conferenza stampa di presentazione del  concerto che Luciano Ligabue terrà nel parco di Monza sabato 24 settembre.
“Il requisito fondamentale – ha spiegato il presidente – è che sia un brano in italiano e originale. Dal primo luglio una  giuria di esperti sarà al lavoro per selezionare il cantautore o il gruppo che suonerà a Monza”.
“Nell’89 al parco di Monza il concerto dei Pink Floyd richiamò 50.000 spettatori, questa volta – ha detto Maroni – supereremo ampiamente quel record”. Gli organizzatori si attendono 100.000 presenze.
Il presidente ha donato a Ligabue il volume fotografico che contiene le immagini dei 10 patrimoni Unesco della Lombardia e, con simpatia, anche un cd del gruppo in cui suona Maroni, “Distretto 51”.  Alla conferenza stampa, tra i presenti, anche il vice presidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala.

Commenti FB
Articolo precedenteThe Strumbellas
Articolo successivoEmergenza Profughi, apre l’hub in via Sammartini
La prima volta della mia vita in cui “sono andato in onda” è stato il 7 luglio 1978…da allora in radio ho fatto veramente di tutto. Dai programmi di rock all’informazione, passando per regie e montaggi. Giornalista dal maggio 1986 sono arrivato a Radio Lombardia nel marzo del 1989 qualche giorno prima della nascita del primo mio figlio, insomma una botta di vita tutta in un colpo. Brianzolo di nascita e di fatto il maggior tempo della mia vita l’ho passato a Milano città in cui ho avuto la fortuna di sentire spirare il vento della cultura mitteleuropea. Adoro la carbonara, Finale Ligure e il Milan (l’ordine è rigorosamente alfabetico). I libri della vita sono stati e sono: “Avere o essere” di Fromm, “On the road” di Kerouac, “L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera, “Grammatica del vivere” di Cooper e l’opera omnia del collega e amico Piero Colaprico (vai Kola!). I film: “Blade Runner“, “Blues Brothers” e “Miracolo a Milano” quando buongiorno voleva dire veramente buongiorno. Ovviamente la musica è centrale nella mia formazione: Pink Floyd, Frank Zappa, Clash, Genesis e John Coltrane tra i miei preferiti. https://www.wikimilano.it/wiki/Luca_Levati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.