Mario Mantovani è tornato in libertà per un cavillo giuridico, in attesa del processo che prenderà il via il prossimo 8 giugno, e tornerà a sedersi in Consiglio Regionale della Lombardia. I Cinquestelle vanno all’attacco dell’ex vice presidente e assessore alla Salute del Pirellone, travolto dall’indagine per corruzione, concussione e turbativa d’asta in uno dei tanti scandali della sanità lombarda.

“La vicenda Mantovani è di una gravità inaudita: è tornato libero per un cavillo legale e potrà rientrare a pieno titolo tra i consiglieri regionali.
Con che coraggio si disquisisce su un ‘cavillo’ davanti ad indagini in corso per reati come corruzione, concussione e turbativa d’asta?
L’unico gesto logico e a tutela della reputazione del Consiglio Regionale sono le immediate dimissioni di Mantovani che leverebbero anche Maroni e la sua maggioranza da questo ennesimo “imbarazzo”.

I lombardi ne hanno abbastanza e, se Mantovani dovesse tornare in consiglio, ciò costituirebbe la prova provata della perdita definitiva di  statura morale di questa Istituzione, terzo parlamento d’Italia, dopo Camera e Senato.

E’ eticamente e moralmente opportuno che un indagato per tali reati contro la pubblica amministrazione sieda in Consiglio Regionale a rappresentare gli interessi dei cittadini e del bene comune?

I “teorici” garanti delle istituzioni che si trincerano dietro i cavilli burocratici si squalificano da soli.
Solo il M5S marca la differenza abissale con tutti gli altri partiti: sì alla presunzione di innocenza ma no a occupare una poltrona nelle Istituzioni con indagini di tale gravità sulle spalle.” ”, così il M5S Lombardia, commenta il caso Mantovani”.

Questa la nota diffusa dal gruppo regionale M5S.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.