Paola Canegrati, l’imprenditrice del settore odontoiatrico arrestata martedì scorso insieme, tra gli altri, al presidente della Commissione Sanità della Regione Lombardia Fabio Rizzi (Lega), ha chiesto carta e penna e ha messo a verbale davanti al giudice dell’interrogatorio di garanzia che intende collaborare con gli iquirenti. Martedì sarà sentita dal pm titolare dell’inchiesta. “Datemi un taccuino e una penna, anzi due, devo scrivere molto” ha detto la Canegrati. Al centro dell’indagine, che vede in totale 21 persone coinvolte, il sistema degli appalti per il settore odontoiatrico. Intanto è caccia anche ai fondi esteri della cricca.

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.