Svolta nell’omicidio di Lidia Macchi, avvenuto 30 anni fa a Cittiglio, nel varesotto. Oggi è stato arrestato Stefano Binda, ex compagno di liceo della studentessa che venne trovara morta in un bosco nel 1987.L ‘uomo l’avrebbe prima violentata e poi uccisa perché convinto che la giovane avesse avuto rapporti sessuali e non ‘avrebbe dovuto’ per motivi religiosi. Entrambi frequentavano ambienti di comunione e liberazione. L’assassino, a pochi giorni dal delitto, inviò una lettera anonima a casa della famiglia Macchi. Una donna che aveva ricevuto lettere da patre di Binda avrebbe riconosciuto lo stle della calligrafia guadano la trasmissione “Quarto Grado”. L’inchiesta è stata presa in carico due anni fa dalla procura generale di Milano

Commenti FB

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.