Home Spettacolo LaVerdi, tutto Beethoven con David Greilsammer

LaVerdi, tutto Beethoven con David Greilsammer

Se avete voglia di dedicare due ore del vostro tempo alla cura di voi stessi – in senso estetico ed emozionale – non perdetevi questo terzo programma della Stagione sinfonica de laVerdi. Si tratta di un “tutto Beethoven” che, attraverso un tris di opere tanto diverse quanto complementari, assicura allo spettatore un saggio completo della produzione del grande tedesco, gratificandolo di un piacere che va oltre la sfera sensoriale.
Venerdì 15 (ore 20.00) e domenica 17 gennaio (ore 16.00), oltre al Genio di Bonn e all’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, all’Auditorium di Milano sarà protagonista David Greilsammer, impegnato nel doppio ruolo di direttore e solista. Sul palco di largo Mahler la star israeliana – fresco reduce dal successo alla Biennale di Venezia dello scorso ottobre, con un recital dedicato a Scarlatti e Cage – guiderà infatti laVerdi nell’Ouverture di Egmont e nell’Ottava Sinfonia, per poi impegnarsi direttamente nell’esecuzione dell’amatissimo Concerto per pianoforte e orchestra n. 3.
Venerdì 15, all’Auditorium (ore 18.00, Foyer della balconata, ingresso libero), Enrico Reggiani sarà il relatore della tradizionale conferenza di introduzione all’ascolto, dal titolo “Il Beethoven de laVerdi. Ottava Sinfonia”, in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano.
(Biglietti: euro 35,00/15,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar – dom ore 14.30 – 19.00, tel. 02.83389401/2/3; on line: http://www.laverdi.orghttp://www.vivaticket.it ).

Programma
E’ un concerto monografico dedicato alla musica di Beethoven quello in programma all’Auditorium di Milano il prossimo 15 e 17 gennaio 2016.
L’Ouverture op. 84 di Egmont è una delle ultime opere del periodo eroico del compositore. È un brano orchestrale molto celebre, potente ed espressivo, composto per precedere la musica di scena per l’omonima opera di Johann Wolfgang von Goethe, scritta tra il 1809 e 1810.
Il Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 in Do min. op. 37, molto amato dal pubblico, venne terminato alcuni anni prima, tra il 1802 e il 1803, dopo vari e laboriosi ripensamenti. È il primo pezzo per strumento solista e orchestra caratterizzato “dall’inconfondibile traccia del genio beethoveniano”. Improntato sul modello classico, presenta una scrittura pianistica impegnativa, con sfoggio di ottave, arpeggi e una sonorità robusta.
Chiude il programma la Sinfonia n. 8 in Fa maggiore op. 93, la più breve delle sinfonie di Beethoven. Composizione dalla vena ironica, lontana dallo stile “eroico”, è pervasa da uno spirito di festa ed è caratterizzata da “mescolanza di arguzia e sentimento”, “disinganno estetico” e una visione “comica della vita”. Laura Nicora

Biografie
David Greilsammer, direttore e pianoforte. Israeliano di gwrusalemme, classe 1977, diplomato alla Juilliard School e consacrato «Rivelazione» alle Victoires de la Musique in Francia, è considerato uno degli artisti più audaci e visionari della sua generazione. Direttore d’orchestra, pianista e musicista da camera, nutre un interesse particolare per i progetti innovativi, per la musica contemporanea e per le connessioni fra le diverse arti.
Dal 2013 è il direttore musicale e artistico della Geneva Camerata. Con questa orchestra ha presentato una stagione eclettica che va dal barocco alla musica contemporanea, passando per il jazz, la musica elettronica, l’improvvisazione,e con numerose collaborazioni con la danza , il teatro e le arti visive, in più di 30 concerti a Ginevra, ma anche a Parigi, Londra e Berlino. Greilsammer ha suonato recentemente con la San Francisco Symphony, la Philharmonique de Radio-France, la Tokyo Metropolitan Symphony, l’Orchestra del Mozarteum di Salisburgo, la Sinfonica di Amburgo, la Filarmonica di Torino, l’Orchestre National du Mexique, la Filarmonica Slovena e la Taipei Philharmonic. Ha suonato inoltre al Mostly Mozart Festival e al Lincoln Center di New York, al Ravinia Festival di Chicago, al Verbier Festival, alla Tonhalle di Zurigo, alla Wigmore Hall di Londra, alla Suntory Hall di Tokyo, alla Salle Pleyel di Parigi e al Teatro della Città Proibita di Pechino.
Dalla stagione 2013/14 è «artista in residence» del Teatro dell’Opéra di Saint-Etienne e del Meitar Ensemble a Tel Aviv e nel 2014 ha debuttato a Roma, a Washington, e al Montreux Jazz Festival.
Nell’ottobre 2015 ha ottenuto grandissimo successo alla Biennale di Venezia con il suo recital dedicato a Scarlatti e Cage.

Commenti FB

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version