Strage di via Palestro, assoluzione definitiva per Tutino

103
Strage Via Palestro

E’ definitiva l’assoluzione di Filippo Marcello Tutino, che era stato accusato di essere il presunto basista della strage mafiosa di via Palestro, avvenuta a Milano il 27 luglio del 1993 e in cui persero la vita 5 persone e altre 12 rimasero ferite a causa dell’esplosione di un’autobomba davanti al Padiglione d’Arte contemporanea. Lo ha deciso, stando a quanto riferito dal difensore, l’avvocato Flavio Sinatra, la sesta sezione della Cassazione che ha rigettato il ricorso della Procura generale del capoluogo lombardo. In primo e secondo grado l’accusa aveva chiesto la condanna all’ergastolo, ma l’imputato era stato assolto in entrambi i processi a Milano e la sentenza è stata confermata dalla Suprema Corte. Non sono sufficienti, avevano spiegato i giudici di primo grado nelle motivazioni, le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia, pur “attendibile” come Gaspare Spatuzza, per condannare all’ergastolo un imputato, quando mancano prove a suo carico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.