I quattro aggressori di Niccolò Bettarini, figlio di Stefano e Simona Ventura, potrebbero essere processati con il rito immediato, come chiederà la Procura di Milano. I quattro sono accusati di tentato omicidio per l’aggressione a calci, pugni e coltellate avvenuta lo scorso 1 luglio all’esterno della discoteca Old Fashion. Gli investigatori intanto sono ancora al lavoro per identificare le altre persone coinvolte nel brutale pestaggio. Per il gip che ha disposto per i quattro la custodia cautelare in carcere, Davide Caddeo, accusato di aver sferrato le otto coltellate, Alessandro Ferzoco, Andi Arapi e Albano Jakej, si erano “certamente” prefigurati che quel pestaggio e quei fendenti in “parti vitali” con una lama da 20 centimetri “avrebbero comunque potuto produrre conseguenze mortali”. Da qui l’accusa di tentato omicidio ma anche quella di lesioni per i calci alla fidanzata di Bettarini, intervenuta in sua difesa. Da quella aggressione, infatti, il 19enne era riuscito a salvarsi soltanto grazie all’intervento della fidanzata e di alcuni amici e di uno in particolare che si era gettato nella mischia ed era riuscito a fare in modo che, dopo l’ultimo fendente, la “furia aggressiva” del branco si placasse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.