Treni e sicurezza, telecamerine per i ferrovieri e più polizia locale

148

Contro i furti e le aggressione sui treni, Regione Lombardia che ha deciso di avviare i ‘Patti locali di sicurezza urbana’ per aiutare quei Comuni dove la situazione è più critica. Uno di questi è Lecco, dove ieri si è svolto un incontro convocato dal prefetto Liliana Baccari proprio sul tema della sicurezza ferroviaria. Alla riunione hanno preso parte i vertici provinciali delle forze dell’ordine, i rappresentanti della Polizia Ferroviaria di Lecco e Milano, gli assessori regionali alla Sicurezza, a Infrastrutture, e l’amministratore delegato di Trenord, Cinzia Farisè. Secondo quanto emerso, i Patti locali di sicurezza urbana sono una sperimentazione che partirà dalle stazioni e dalle tratte più ‘in emergenza’ ma occorre ancora definire nel dettaglio modalità, tempi e comuni interessati al finanziamento. Il percorso, appena cominciato, prevede il coinvolgimento della polizia locale per la vigilanza fuori dalle stazioni, un incremento della sicurezza all’interno e sulle banchine, il contrasto al bivacco all’esterne. Si è appreso anche che i capitreno saranno dotati di telecmerine portatili per riprendere eventuali aggressori o situazioni di emergenza. Un deterrente in più per chi pensa di salire su un treno senza biglietto e poi magari alza le mani se il controllore fa il suo dovere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.