Il 40 per cento di chi guida un’auto, quasi il 50 di chi va in bicicletta e il 10 di chi si muove inscooter utilizza lo smartphone alla guida. Sono questi alcuni dati, preoccupanti, emersi da un’indagine sulla ‘Conoscenza dei rischi da uso improprio in strada di cellulari, smartphone e loro applicazioni’ commissionata dalla Regione Lombardia e realizzata da Eupolis su un campione di 2.653 studenti delle classi 4° e 5° degli Istituti Secondari Superiori dell’area
della citta’ metropolitana di Milano nello scorso mese di ottobre. I numeri sono stati illustrati dall’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali,  durante la Giornata della ‘Sicurezza e Fraternita’ stradale’ – che si e’ tenuta all’auditorium Gaber di Palazzo Pirelli a Milano.

“Nel 2016 in Lombardia si sono verificati 32.785 incidenti che hanno portato a 45.435
feriti e 434 morti. Una vera e propria piaga sociale. E’ importante per noi – ha detto Bordonali – dedicare una giornata alle Associazioni, ai Corpi e in generale a tutte le persone che si dedicano all’educazione e al soccorso stradale. Le istituzioni hanno il compito e il dovere di sensibilizzare la popolazione sui rischi derivanti dall’incidentalita’ stradale e ovviamente di lavorare il piu’ possibile per prevenire”.

Dall’assessore e’ quindi arrivato l’invito a ribadire in ogni sede come “l’utilizzo di
uno smartphone alla guida, l’eccessiva velocita’ o qualsiasi disattenzione possano costare la vita”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.