Sala; inaccettabile il blitz di CasaPound

572

Tre ore di forte tensione ieri pomeriggio a Palazzo Marino e scontri tra CasaPound e centri sociali. In mezzo la polizia a separare le due fazioni a randellate. Tutto è iniziato quando una ventina di militanti di CasaPound si sono seduti nella parte riservata al pubblico del Consiglio Comunale. Non c’è stata nessuna irruzione; sono entrati lasciando la carta d’identità in portineria. Dopo pochi minuti si sono alzati in piedi e hanno urlato la loro richiesta di dimissioni del sindaco Beppe Sala, hanno lanciato volantini e srotolato uno striscione tra i saluti romani.

I consiglieri di sinistra Basilio Rizzo, Paolo Limonta e Carlo Monguzzi intervengono. Digos e Polizia Locale riescono a spingere fuori dall’aula i rappresentati dell’estrema destra. All’ingresso principale del palazzo si trovano di fronte i giovani di “Nessuno è illegale”, movimento legato al centro sociale Cantiere di via Monte Rosa. Inevitabile il confronto. Spintoni, sputi, insulti. Con la polizia in mezzo per dividere i due gruppi. Si prova a far uscire quelli di CasaPound da un ingresso laterale ma i ragazzi del Cantiere impiegano poco per riversarsi davanti all’altro portone. Terzo tentativo all’uscita di via Marino. A pochi metri, in piazza San Fedele le due fazioni entrano in contatto. La polizia carica una parte e l’altra. Dopo uno stallo di circa un’ora si riesce a far passare CasaPound per l’ingresso del palazzo dei gruppi consiliari di via Marino che ha un’uscita secondaria grazie alla quale si fanno defluire i ragazzi di destra verso la metropolitana. Ma alcuni giovani si staccano e provano a tornare in piazza della Scala ma la polizia li respinge. Dopo circa tre ore torna la calma. Inevitabile la polemica sul come sia stato possibile far entrare i militanti di CasaPound senza nessun controllo. Poi arriva la ferma condanna del sindaco Sala: “Quanto è accaduto è inaccettabile e di certo non ci faremo intimidire da nessuno, tantomeno da CasaPound”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.