Nuova vita per il cenacolo di Lenardo grazie al progetto di restauro ambientale intitolato “Una cena da non perdere” . L’intervento già iniziato e sponsorizzato da Eataly, permetterà di aumentare i visitatori nel refettorio, grazie ad un nuovo impianto per purificare l’aria. I lavori si concluderanno nel 2019.“L’Ultima Cena è un’opera fragile che in cinque secoli di vita ha avuto tanti restauri – ha detto Farinetti -. Ma questo è il primo restauro ambientale che garantirà all’opera altri cinque secoli di vita e per altri 500 anni l’umanità non si perderà questa cena”. Alla presentazione del progetto, intitolato appunto “Una cena da non perdere”, a Milano insieme a Farinetti il ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, lo scrittore Alessandro Baricco, il vicario episcopale per la Cultura dell’arcidiocesi di Milano, monsignor Luca Bressan, la direttrice del Cenacolo Vinciano, Chiara Rostagno.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO