L’assurda prigionia di Cristian Provvisionato in Mauritania

1577

Da venti mesi un giovane lombardo di Cornaredo (Mi) è trattenuto presso una caserma dell’antiterrorismo in Mauritania. La sua colpa? Aver raggiunto il paese nordafricano per partecipare a una riunione di presentazione di un software per la sicurezza su incarico dell’azienda per cui lavorava. Cristian Provvisionato da metà agosto del 2015 è finito in mezzo a quello che potremmo definire un caso di cyber spionaggio che si è trasformato per lui in una vera e propria odissea. A quanto si capisce, la Mauritania ritiene di aver subito una truffa informatica e Cristian è una sorta di ostaggio utile, forse, a recuperare denaro. Ci sono troppi punti interrogativi sulla vicenda di cui si è occupata la Commissione carceri del Consiglio Regionale della Lombardia, ascoltando i familiari di Cristian. Il Ministero degli Esteri  segue la vicenda, ma venti mesi sono davvero troppi. Della vicenda si è occupato il consigliere regionale Fabio Pizzul sul suo blog.

L’assurda prigionia di Cristian Provvisionato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.